>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
Il miracolo Eucaristico di Arquata del Tronto
Stampa
  Text size
Arquata del Tronto (provincia di Ascoli Piceno) è un paesino di circa 1.600 abitanti, che s’inerpica a quasi 800 metri sul livello del mare. Il terremoto di circa 2 anni fa lo ha distrutto pressoché interamente.

Dopo il terremoto i soccorritori hanno trovato sotto una chiesa crollata un tabernacolo intonso, che è stato riposto dai Carabinieri in un magazzino affinché non andasse perduto.



Qualche giorno fa (dopo oltre un anno e mezzo dal terremoto) i Carabinieri hanno riconsegnato il tabernacolo (che era rimasto chiuso a chiave) al Parroco, il quale dopo averlo aperto ha trovato la pisside ancora chiusa con circa 40 ostie completamente intatte, senza nessuna traccia di muffa o di invecchiamento delle Sacre Specie.

Il Parroco, colpito, ha mostrato il fenomeno, che si può definire miracoloso, al Vescovo di Ascoli Piceno (monsignor Giovanni D’Ercole) profondamente commosso.



I miracoli eucaristici (anche con le ostie consacrate nella Nuova Messa) avvengono ancora e ci confermano 1°) nella Fede nella Presenza reale, dopo la Riforma liturgica così enormemente profanata; 2°) nel fatto che, malgrado le cattive riforme e i Riti eterodossi[1] che circondano la forma consacratoria, la sostanza del Sacramento è rimasta intatta e così i Sacramenti non son venuti meno per colpa di sciagurati Pastori, i quali, per un forte spirito neo-modernistico misto ad un certo “insano archeologismo” (come lo chiamava Pio XII nell’Enciclica Mediator Dei del 1947) hanno inquinato non poco i Riti che circondano la materia e la forma dei Sacramenti; 3°) nel fatto che in mezzo a tanti (forse troppi) malvagi Pastori vi sono ancora dei buoni Parroci, Vescovi, che credono nell’Eucarestia e si commuovono difronte ai miracoli che la circondano, non li occultano (come ha fatto l’allora cardinal Bergoglio a Buenos Aires circa 10 anni or sono), ma ne parlano ai fedeli (sempre più disorientati e alla ricerca di verità) e li esortano alla pratica religiosa e sacramentale.

Perciò non lasciamoci mai prendere dallo scoraggiamento. Gesù, come ci ha promesso, è con noi “ogni giorno sino alla fine del mondo” (Mt., XXVIII, 20), anche in mezzo ai terremoti materiali (Arquata, Amatrice, Norcia e dintorni) e spirituali (Vaticano II e post-concilio). “Le Porte degli Inferi non prevarranno” (Mt., XVI, 18) e il “Cuore Immacolato” di Maria “trionferà”.

San Giovanni Bosco ebbe un sogno profetico: la barca di Pietro (la Chiesa di Cristo) sbattuta dalle onde veniva ancorata a due possenti colonne (Maria SS. e l’Eucarestia) da un valoroso nocchiero (un Papa) e così sormontava la tempesta. Ebbene oggi la Chiesa è in gran tempesta, ma il Papato (nonostante la crisi che ha conosciuto, nel suo elemento umano, in questi ultimi 50 anni) riuscirà come sempre a sormontarla grazie all’aiuto della Madonna e dell’Eucarestia.

Che il miracolo del terremoto di Arquata ci aiuti a guardare con fiducia (“Adeamus cum fiducia”) al futuro, il quale appartiene solo a Dio e sul quale il Maligno può intervenire soltanto col permesso di Dio e non un minuto di più del tempo concessogli (cfr. il Libro di Giobbe).

Il Padrone della storia è sempre e soltanto Dio; l’uomo e il diavolo possono agitarsi, affannarsi, illudendosi di essere loro i fattori di essa, ma Dio sa convertire tutte le loro azioni allo scopo che si è prefisso da tutta l’eternità. L’ultima parola spetta sempre a Lui, sta a noi farcene cooperatori conformando la nostra volontà e la nostra azione alla Sua.

d. Curzio Nitoglia



1] Cfr. Il “Breve Esame Critico del Novus Ordo Missae” presentato dai cardinali Alfredo Ottaviani e Antonio Bacci a Paolo VI, chiedendogli l’abrogazione di esso perché “Legge nociva per le anime”.


 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# Centuri 2018-02-28 20:08
Io abito a una cinquantina di chilometri ma non lo sapevo.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Alda 2018-02-28 23:12
Chi ha dichiarato il miracolo, il sacerdote o l'autorità ecclesiastica competente? Sono state condotte analisi scientifiche? Come è possibile altrimenti gridare al Miracolo con tanta superficialità? Esiste ancora una gerarchia cui sottomettersi o ognuno è libero di fare di testa sua e dar credito a ciò che più gli aggrada? Su queste realtà non si scherza, occorre prudenza, sobrietà e discernimento? Non sono già abbastanza i motivi che come cattolici forniamo, nostro malgrado, ai non credenti per ritenerci dei poveri creduloni sprovveduti? Se Miracolo c'è stato tanto meglio, prima però occorre rispetto ed evitare inopportuni proclami!
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Simone P. 2018-03-02 01:41
Provi lei a preparare del pane e lasciarlo in cantina per un anno e mezzo. poi provi a guardarlo e ad assaggiarlo
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# cgdv 2018-03-02 08:56
Il pane azzimo si conserva più a lungo del pane lievitato e lo vediamo tradizionalment e presente presso i popoli non sedentari. Tuttavia reperire ostie consacrate intatte dopo quasi due anni sotto macerie e in cantina, quindi in presenza di umidità, può senz'altro far gridare al miracolo, visto anche che un inevitabile minimo inquinamento batterico, fungino o da muffe non perdona dopo periodi di tempo molto più limitati. Leggere al proposito sulle ridicole contestazioni al miracolo di Bolsena. In ogni caso è difficile credere ai miracoli per chi scrive in prima persona plurale che i cattolici forniscono ai non credenti sufficienti motivi per essere ritenuti creduloni.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# Giulio 2018-03-02 23:54
Ecco, esattamente quello che volevo scrivere io.
Mi limito a sottoscrivere in toto questo suo intervento.
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 
 
# dav66 2018-04-17 13:23
beh! almeno per una volta i carabinieri ne hanno fatta una giusta senza saperlo :-)
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime notizie in questa sezione :
La Madonna di Akita, continuazione della missione della Madonna di Fatima
Sì Sì No No
Oremus pro gubernantibus nostris
Don Curzio Nitoglia
“Il Principe Cristiano” di Padre Pedro De Ribadeneyra
Don Curzio Nitoglia
Lev Trotskij — La fine (4)
Don Curzio Nitoglia
Lev Trotskij — La vita e le opere (3)
Don Curzio Nitoglia
Lev Trotskij — La vita e le opere (2)
Don Curzio Nitoglia
Lev Trotskij — La vita e le opere
Don Curzio Nitoglia
Il vero segreto di Fatima
Lorenzo de Vita
La vera essenza di Fatima, ulteriore rispetto a quel terzo segreto mai divulgato, risiede...
Le cause remote della distruzione di Gerusalemme e il Concilio
Don Curzio Nitoglia
SECONDA PARTE
Le cause remote della distruzione di Gerusalemme e il suo Concilio
Don Curzio Nitoglia
PRIMA PARTE
Metodo Di Bella e diffamazione
È stato creato dall’AIOM (Associazione Italiana Medici Oncologi) il sito “Tumore, ma è vero che?” generosamente, capillarmente diffuso con grande, zelante impegno e generale mobilitazione a...
Sperimentazione del Metodo Di Bella
In questo articolo vengono sintentizzate le numerose e gravi anomalie che hanno destituito di ogni credibilità e dignità scientifica la sperimentazione ministeriale del MDB del 1998.
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità