>> Login Sostenitori :              | 
header-1

RSS 2.0
menu-1
Importanza della conferenza di Mons. Williamson sull’enciclica “Libertas” di Leone XIII
Stampa
  Text size
Il 16 giugno del 2107 mons. Richard Williamson spiegherà a Roma, in Via Napoli 58 (angolo via Nazionale), alle ore 20.00 l’Enciclica Libertas di Leone XIII (20 giugno 1888)

Il tema è attualissimo. Infatti poter fare il male è un difetto della libera volontà umana, che per sé tende al bene.

Cos’è la libertà

Occorre distinguere la “LIBERTÀ FISICA”, che è l’assenza di costrizione nel corpo (son libero di muovermi o di restare fermo), dalla “LIBERTÀ PSICOLOGICA”, che è l’assenza di costrizione dell’anima razionale e libera, ossia è il libero arbitrio, che se viene utilizzato per il bene è vera “LIBERTÀ MORALE”, ma se è impiegato per il male è falsa libertà o “LICENZA” (o meglio licenziosità). Perciò la libertà è una facoltà (potenza o capacità) di agire, che di per sé tende al bene, ma l’uso (atto o azione) di tale capacità o facoltà, se è indirizzato al male, diventa una deficienza di libertà. Infatti fare il male è come essere malati, ossia è un segno che siamo in vita, ma è una deficienza di buona salute della vita (agire bene).

Il libero arbitrio o la libertà psicologica è la capacità di agire e di scegliere il bene, se sceglie il male rovina la natura della vera libertà. Quindi la libertà umana deve essere diretta dalla legge naturale e divina, che comanda il bene e condanna il male.

Quindi la vera libertà è nella scelta del bene. La libertà morale, che consiste nell’essere liberi o immuni da ogni costrizione (legge), in maniera assoluta esiste solo in Dio; invece nell’uomo c’è l’immunità da questa o quella legge, ma non da ogni legge (come vorrebbero falsamente i liberali). Quindi la libertà morale umana è limitata dalla legge divina e naturale. Perciò l’uomo può volere a suo arbitrio psicologicamente (fare il bene o il male) o fisicamente (muoversi o star fermo), mentre moralmente la sua libertà è subordinata alla legge naturale e divina e al fine ultimo della vita (buon uso del libero arbitrio)(1), altrimenti diventa licenza (cattivo uso del libero arbitrio).

Il male del mondo odierno è il liberalismo che confonde la libertà con la licenza di poter fare il male. La libertà non è più una facoltà o capacità della volontà umana, ma diventa il fine ultimo e assoluto dell’uomo. Per cui tutto è lecito, anche fare il male. Il bene diventa ciò che piace o fa comodo, la maggiorana fa le leggi anche se contrastano con quelle di Dio. Per esempio la libertà di professare ogni religione, anche quelle false, è una falsa e nociva libertà, che concede all’errore e al male un diritto che non hanno, al massimo l’errore e il male possono essere tollerati de facto e mai de iure, in ogni caso la tolleranza è un segno d’imperfezione e non un bene in sé, per esempio son costretto a tollerare il mal di denti sino a che non trovi il dentista che strappi il dente cariato e dolente.

Leone XIII insegna che la libertà è il dono più grande fatto all’uomo, che è un animale razionale e quindi libero poiché sorpassa la materialità. Purtroppo la nozione di libertà è stata totalmente distorta dalla filosofia moderna.

La nozione liberale della libertà conduce all’anarchia o per reazione ad essa alla tirannia.

Il Liberalismo si fonda sul falso concetto di libertà

Il Liberalismo ha tre gradi: 1°) “Liberalismo assoluto”, che rigetta totalmente Dio sia in privato che in pubblico; 2°) “Liberalismo moderato”, che rigetta Dio solo nella sfera pubblica (Liberalismo/cattolico), sicché in privato si può essere credenti, ma in pubblico no; 3°) “Liberalismo dal volto umano”, che accetta la Chiesa a condizione che essa si adatti e si aggiorni al mondo moderno, è la “mano tesa” dall’errore al Cristianesimo.

Il Liberalismo concepisce la libertà come indipendenza assoluta dell’uomo da ogni legge e da Dio e dello Stato dalla Chiesa. Da questo errore iniziale ne derivano altri: 1°) la “Democrazia moderna”, secondo cui la maggioranza stabilisce ciò che è bene o male a suo capriccio; 2°) il “Separatismo” tra Chiesa e Stato (“libera Chiesa in libero Stato”); 3°) l’ “Indifferentismo” in materia di religione e di culto (libertà per le false religioni, che al massimo possono essere tollerate in pratica e non per principio); 4°) l’ “Astensionismo” dello Stato in materia economica (“lasciar fare all’iniziativa privata” o individualismo assoluto liberista).

Nell’Ottocento in Francia si cercò di cattolicizzare il Liberalismo (Lamennais, Lacordaire, Montalembert…), ma la Chiesa intervenne, ammonì e poi condannò (Gregorio XVI, Enciclica Mirari vos, 1832; Pio IX, Enciclica Quanta cura e l’annesso Syllabus, 1864; Leone XIII, Encicliche Immortale Dei, 1885 e Libertas, 1888; Pio XI, Encicliche Quas primas, 1925 e Mortalium animos, 1928).

Conclusione

Mons. Williamson spiegherà l’Enciclica Libertas valendosi dei due Schemi a colori, i quali saranno proiettati su un maxi schermo.


LINK ALTA RISOLUZIONE


LINK ALTA RISOLUZIONE

Vi consiglio di portare con voi gli schemi stampati, che vi aiuteranno a capire questi concetti e a tirare la lezione pratica che “bisogna fare il bene ed evitare il male”.

d. Curzio Nitoglia



1) Cfr. S. Tommaso d’Aquino, S. Th., I, q. 83.



 
Guarda commenti | Nascondi commenti

Commenti  

 
# cgdv 2017-05-27 21:29
Penso che chi potrà partecipare a questo incontro essendo nato dopo il 1965, potrà ritenersi fortunato ed altrettanto leggendo l'articolo. Personalmente, alle superiori a metà anni '50, ricordo che l'ora di religione era tenuta da sacerdoti che insegnavano e ribadivano il concetto fondamentale di questo articolo: l'essere umano è libero solo se e quando "commette" il bene. Ovviamente insegnavano anche quale fosse il bene secondo la morale e la dottrina cattolica. Dopo e fino ai giorni nostri credo che gradualmente si sia arrivati fino alla più totale mistificazione di questo fondamento.
Giuliano
Rispondi | Rispondi con citazione | Citazione
 

Aggiungi commento


Ultime notizie in questa sezione :
Un “piccolo miracolo” d’altri tempi
Lorenzo de Vita
David Ben Gurion (2)
Don Curzio Nitoglia
Ratzinger e Bergolio: due facce della stessa medaglia
Don Curzio Nitoglia
David Ben Gurion (1)
Don Curzio Nitoglia
La più grande blasfemia
Emanuele Vittorio Brunatto
Il miracolo Eucaristico di Arquata del Tronto
Don Curzio Nitoglia
Bergolio papa e diavolo?
Don Curzio Nitoglia
Gli ebrei “non piacciono a Dio”
Don Curzio Nitoglia
L’origine dei Popoli e delle Religioni
Lorenzo de Vita
La riprovazione d’Israele (2)
Don Curzio Nitoglia
Metodo Di Bella e diffamazione
È stato creato dall’AIOM (Associazione Italiana Medici Oncologi) il sito “Tumore, ma è vero che?” generosamente, capillarmente diffuso con grande, zelante impegno e generale mobilitazione a...
Sperimentazione del Metodo Di Bella
In questo articolo vengono sintentizzate le numerose e gravi anomalie che hanno destituito di ogni credibilità e dignità scientifica la sperimentazione ministeriale del MDB del 1998.
Libreria Ritorno al Reale

EFFEDIEFFESHOP.com
La libreria on-line di EFFEDIEFFE: una selezione di oltre 1300 testi, molti introvabili, in linea con lo spirito editoriale che ci contraddistingue.

Servizi online EFFEDIEFFE.com

Archivio EFFEDIEFFE : Cerca nell'archivio
EFFEDIEFFE tutti i nostri articoli dal
2004 in poi.

Lettere alla redazione : Scrivi a
EFFEDIEFFE.com

Iscriviti alla Newsletter : Resta
aggiornato con gli eventi e le novita'
editorali EFFEDIEFFE

Chi Siamo : Per conoscere la nostra missione, la fede e gli ideali che animano il nostro lavoro.



Redazione : Conoscete tutti i collaboratori EFFEDIEFFE.com

Contatta EFFEDIEFFE : Come
raggiungerci e come contattarci
per telefono e email.

RSS : Rimani aggiornato con i nostri Web feeds

effedieffe Il sito www.effedieffe.com.non è un "prodotto editoriale diffuso al pubblico con periodicità regolare e contraddistinto da una testata", come richiede la legge numero 62 del 7 marzo 2001. Gli aggiornamenti vengono effettuati senza alcuna scadenza fissa e/o periodicità